Tecnica di Autoipnosi: “La Scala Mobile”

Categorie Sperimentare Tag , , , , , ,

In seguito ai numerosi feedback positivi ricevuti dopo la pubblicazione di articoli relativi all'autoipnosi (grazie a TUTTI :) ), ho pensato potesse esserti utile un'altra tecnica per auto-indurre lo stato di trance e sfruttarne gli enormi benefici.

L'autoipnosi, come ti ho già spiegato, consiste nell'ipnotizzare se stessi, portando il cervello ad un livello in cui le "barriere" della mente razionale sono meno resistenti ed è quindi più semplice influenzare l'inconscio con suggestioni appropriate (affermazioni + visualizzazioni).

A tal fine, risulta di fondamentale importanza avere le idee chiare su cosa fare durante la seduta. Prima di partire, quindi, domandati sempre quale sia il tuo obiettivo (scarica gratis e stampa subito l'Autoipnosi Manager 1.0 se ancora non l'hai fatto!).

La tecnica di autoipnosi di cui ti parlo oggi l'ho denominata "La Scala Mobile". Il motivo è semplice: attraverso una visualizzazione particolare, ti aiuta a "scendere" nella zona profonda della tua coscienza, luogo dal quale, come detto poco sopra, riesci ad accedere più facilmente al tuo inconscio per via delle minori resistenze della mente razionale.

Prima di illustrarti la tecnica volevo ricordarti che, per "viaggiare dentro te stesso" in modo pseudo-assistito, puoi utilizzare i 2 MP3 (Alpha 001 e Theta 001) che possono scaricare gratuitamente gli iscritti alla Bonus-LIST di VitaSuprema.net (quindi se sei già iscritto, i due MP3 sono già sul tuo PC, pronti per essere trasferiti sul tuo lettore mp3.. Se non lo sei, puoi farlo inserendo la tua email nel box che vedi sulla destra ;) ).

Ti lascio alla tecnica. Buona lettura!

Tecnica di Autoipnosi: "La Scala Mobile"

  1. Siediti comodamente su una poltrona e tieni la schiena eretta ma rilassata. Questo serve a ridurre le probabilità che ti possa addormentare mentre pratichi la tecnica.
  2. Chiudi gli occhi e inspira profondamente 3 volte, trattieni il fiato per pochi istanti e poi espira. Nella fase di ritenzione del fiato focalizzati su tutte le tensioni fisiche che riesci ad individuare. Nell'espirazione, lasciale andare completamente. Il primo respiro dedicalo alle gambe. Il secondo a tronco e braccia. Il terzo al viso.
  3. Continua a respirare in modo naturale, senza condizionare l'atto respiratorio e ripetiti mentalmente suggestioni tipo "Sono sempre più rilassato", "Mi rilasso sempre di più", "Ad ogni espirazione mi lascio andare completamente" ecc.. Continua fino a che non ti senti sufficientemente rilassato fisicamente.
  4. Ora immagina di trovarti di fronte ad una scala mobile che scende verso il basso, nell'oscurità.
  5. Visualizza la scena in prima persona, come se la stessi vivendo realmente. Guarda attraverso i tuoi occhi quest'enorme scala mobile che si perde nell'oscurità verso cui è diretta.
  6. Imbocca la scala e lasciati trasportare verso i livelli più profondi della tua mente.
  7. Mentre scendi, ripetiti mentalmente suggestioni tipo "Vado sempre più profondo". Continua a farlo finché lo ritieni necessario.
  8. Quando ti senti sufficientemente concentrato e "in profondità", suggestionati con frasi tipo "Sono sempre consapevole". Com'è facile intuire, la cosa risulta utile per fare in modo di non addormentarsi :)
  9. Continua a scendere ripetendoti "Sempre più profondo" e "Sempre consapevole".
  10. Quando lo ritieni opportuno, comincia a contare da 10 a 0 per approfondire ulteriormente e definitivamente lo stato di trance autoipnotica che hai raggiunto.
  11. Dopo ogni numero, continua ad alternare le suggestioni del punto 9, così: "10.. Sempre più profondo.. 9.. Sempre consapevole.. 8.. Sempre più profondo.." e via dicendo.
  12. Durante il conto alla rovescia, guarda sempre in basso. Ora la scala mobile non è più "infinita". Riesci a vederne la fine.. 7 (suggestione), 6 (suggestione)… 3 (suggestione)… 2 (suggestione)… 1 (suggestione)… 0. Ora, dopo aver fatto un passo in avanti per scendere dalla scala, ti ritrovi di fronte ad una porta chiusa che si apre verso il tuo Universo Interiore!
  13. Adesso sei di fronte ad una scelta. Puoi aprire la porta e decidere se lasciarti pervadere dai messaggi che riceverai dal tuo inconscio in modo intuitivo, oppure adoperare ulteriori suggestioni e visualizzazioni preparate precedentemente grazie all'Autoipnosi Manager.

Come "Risalire" dalla Trance

  • Per la risalita, sarà sufficiente fare il percorso inverso passando per la porta aperta in precedenza, richiudendola, e risalendo per la scala mobile che, questa volta, viaggerà nel senso opposto.
  • Durante la risalita, ti consiglio di contare da 1 a 10 e di fare in modo che l'oscurità si diradi pian piano, fino a diventare una luce quasi accecante.
  • Mentre conti, usa suggestioni tipo "Sto per svegliarmi completamente", "Sono sempre più sveglio". Quando sei in dirittura d'arrivo, adotta frasi tipo "Sto per aprire gli occhi". Aprili :)
  • Per finire, stiracchia le braccia e le gambe, sciogli un po' il collo e goditi lo stato di benessere nel quale ti trovi!

Per oggi è tutto :)

Se trovi l'articolo utile, segnalalo ai tuoi amici cliccando su "Mi piace" (grazie!).

Love
Anto

Altri articoli che potrebbero interessarti:

  1. Autoipnosi: Come Entrare in Trance (Tecnica Base)
  2. La “Tecnica 3×3″
  3. Come Utilizzare l’EFT per Risolvere un Problema – Tecnica Base
  4. Come “Lasciare Andare” – La Tecnica dell’Abbraccio Interiore
  5. Come Funziona l’Autoipnosi?

2 Commenti - Tecnica di Autoipnosi: “La Scala Mobile”

  1. Laura says:

    Ciao, ho provato questa tecnica ma non so per quale motivo quando smetto di scendere le scale e trovo la porta, cerco di aprirla ma rimane bloccata come se fosse chiusa a chiave. E’ normale???

  2. Anto says:

    Ciao Laura, potrebbe trattarsi di una resistenza inconscia. Se avverti ansia, tensione o ti viene di "forzare" la porta, rilassati ancora di più e cerca di trovare la serenità necessaria affinché si apra quasi da sola. Prova :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>